28/11/2011

I masnadieri di Friedrich Schiller, per la regia di Gabriele Lavia a Perugia

I masnadieri di Friedrich Schiller, regia di Gabriele Lavia, produzione del Teatro di Roma e Teatro Stabile dell’Umbria (2011)

Teatro.it
REDAZIONE
(28 novembre 2011)

Il Teatro Stabile dell’Umbria presenta al teatro Morlacchi di Perugia, da mercoledì 30 a domenica 4 dicembre, il nuovo spettacolo prodotto insieme al Teatro di Roma, I masnadieri di Friedrich Schiller, nella nuova lettura di Gabriele Lavia che, dopo trent’anni, lo riporta in scena con un gruppo di venti giovani talenti, Francesco Bonomo, Fabio Casali, Daniele Ciglia, Filippo De Toro, Michele Demaria, Davide Gagliardini, Gianni Giuliano, Daniele Gonciaruk, Marco Grossi, Andrea Macaluso, Luca Mannocci, Luca Mascolo, Giulio Pampiglione, Cristina Pasino, Giovanni Prosperi, Alessandro Scaretti, Carlo Sciaccaluga, Simone Toni.

Una potente tragedia: un perverso intreccio familiare, un amore conteso, il tradimento, l’odio e la morte. Esordio letterario di Schiller, lo spettacolo conserva tutta l’attualità dei nostri giorni, quella che era una violenta denuncia delle istituzioni politiche e sociali del tempo, attraverso la parabola del suo eroe che, dall’irrazionale ribellione raggiunge la lucida consapevolezza della propria colpa, può essere vista con occhi contemporanei. La seduzione del potere e la perversione della libertà sono i due elementi fondanti che fanno l’azione.

Con un inganno Franz risponde al fratello Karl che voleva tornare alla casa paterna pentito delle giovanili dissolutezze, e gli invia una perfida lettera a nome del padre con cui lo disereda e lo rinnega. Lo sconforto di Karl lo spinge a porsi a capo di una banda di masnadieri per vendicare ovunque torti e ingiustizie. Franz, con l’intento di sedurre e sottrarre la fidanzata al fratello, mente e annuncia la sua morte. Karl, dopo diverse vicende torna a casa paterna, scoprendo così tutte le menzogne e, rapito da un momento di riflessione, dubita che la giustizia si possa ottenere con la violenza. Un dubbio che si insinua ferocemente nell’animo di un uomo che però scopre che il padre non è morto, come invece diceva il fratello, ma sepolto vivo in una torre. La tragedia si compie: Franz si strangola. Il padre, vedendo nel figlio il masnadiero e il responsabile della morte del fratello, muore di crepacuore. Karl, ritenendosi indegno dell’amore di Amalia, la uccide e si consegna ai gendarmi.

Alla parola romanticismo spesso corrisponde un immaginario pittoresco e sentimentale, come uno dei fiammeggianti tramonti di William Turner, o uno dei sublimi paesaggi di Caspar David Friedrich. Ma il romanticismo è stato anche lotta per la libertà e per l’affrancamento dagli oppressori, è stato passione per la giustizia, amore per il sapere, emancipazione dal potere. Questo è I Masnadieri di Schiller: “libertà o morte” è la dichiarazione di questi briganti ribelli, di questi banditi rivoluzionari, entrati violentemente nella storia della letteratura tedesca come esponenti della ribellione, insieme al loro creatore a cui ancora oggi molto dobbiamo. Con stile drammatico e un’abilità scenica immaginifica ed emotiva, Schiller s’inserisce perfettamente nello Sturm und Drang e, nella lente di quel furore visionario, con la sua opera attacca le istituzioni politiche, le convenzioni sociali, i pregiudizi morali con il fermo proposito di fare del palcoscenico un nuovo “istituto morale”. Le parole di Schiller risuonano nell’orecchio del mondo contemporaneo ed è per rispondere a tale richiamo, così urgente anche oggi, che il Maestro Gabriele Lavia riprende quest’opera giovanile, straordinaria, impregnata di ideali, di grande impatto emotivo e scenico.

Le belle scene sono di Alessandro Camera, i costumi di Andrea Viotti, le musiche di Franco Mussida, e i pannelli di graffiti fatti dai giovanissimi writers Paolo Colasanti e Leonardo Maltese.

La Compagnia partecipa, giovedì 1 dicembre, alle 17,30, al Teatro Morlacchi, all’incontro con il pubblico tenuto dal Prof. Alessandro Tinterri, docente di Storia del Teatro e dello Spettacolo e di Storia e Critica del Cinema dell’Università degli Studi di Perugia. Al termine presso il Caffé del Teatro, l’Azienda agraria Terre de la Custodia offrirà al pubblico una degustazione dei propri vini.

La prevendita dei biglietti viene effettuata, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13, presso l’Agenzia n°2 dell’Unicredit, in Via Mario Angeloni 80 e tutti i giorni feriali, dalle 17 alle 20, al botteghino del teatro Morlacchi.
Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 19. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it. e presso il Piccadilly Box Office di Collestrada.

Articolo originale

I masnadieri di Friedrich Schiller, per la regia di Gabriele Lavia a Perugia _ Teatro